ULTIME LETTERE DA STALINGRADO di Einaudi

1

Queste lettere furono scritte da soldati tedeschi assediati nella sacca di Stalingrado nel dicembre 1942 e partirono con l’ultimo l’aereo per la Germania.Non arrivarono mai alle famiglie: Hitler le fece sequestrare dalla censura militare per un sondaggio sul morale delle truppe. Furono ritrovate dopo la fine della guerra negli archivi dell’esercito, e ne è stato tratto questo libro: l’emozione che esso ha suscitato al suo apparire è tuttora viva, e non solo in Germania, ma nell’intera Europa. E’ un libro unico, in cui l’interesse storico-politico è largamente superato dal valore di testimonianza umana: parlano uomini votati alla morte, che prendono drammaticamente coscienza di se stessi, e tracciano con una laconica eloquenza, come di epigrafi definitive, un’immagine delle proprie vite e dei propri destini.Non si può aggiungere un’altra lettera a queste trentanove: esse, che sembrano contenere e rivelare ogni esperienza umana, costituiscono una perfetta unità morale.